Aglianico

Di origine antichissima, introdotto in Campania dalla Grecia (il nome sarebbe una deformazione della parola Ellenico), andò successivamente diffondendosi in Basilicata ed in Puglia.

DESCRIZIONE
La varietà è relativamente omogenea, si coltivano generalmente due popolazioni diverse, una nella zona del Taurasi ed una nel Vulture, però spesso le loro caratteristiche differenziali dipendono dalle diverse condizioni ambientali.

ATTITUDINI COLTURALI
Vitigno di buona vigoria, a germogliamento precoce, tralcio lungo, robusto, poco ramificato, ad internodi medi, vegetazione equilibrata. Nelle zone classiche di coltura ad altitudini di 300-500 mt. sul livello del mare preferisce terreni sciolti e bene esposti e climi relativamente caldi; nelle zone più calde si adatta ai diversi tipi di terreno.

ALLEVAMENTO E POTATURA
Nei climi caldi si adatta ad ogni forma di allevamento e potatura; nei climi più freddi dell’area di coltura sono indicate le forme a controspalliera con tralci ben proporzionati attraverso oculate operazioni a verde per evitare gli attacchi di botrite al grappolo ed ottenere una buona lignificazione dei tralci ed un prodotto perfettamente maturo.

PRODUZIONE
Media e costante.

VENDEMMIA
Un pò tardiva, nelle zone classiche considerata l’alta qualità del prodotto si consiglia la vendemmia a mano, nelle altre si può attuare quella meccanica.

RESISTENZA ALLE MALATTIE
Sensibile alla botrite nei climi più piovosi e umidi.

GIUDIZIO ORGANOLETTICO SUL VINO
Dà un vino di colore rosso rubino intenso, di sapore fresco, fruttato, giustamente tannico ed acido, di corpo, armonico. Invecchiato acquista in finezza sprigionando profumi delicati tanto da divenire un vino aristocratico ai più alti livelli dei classici vini italiani.

AGLIANICO DEL VULTURE
Vitigno vigoroso e produttivo, a grappolo tronco piramidale, medio, grosso, semi-spargolo, acino grosso a maturazione leggermente anticipata.

AGLIANICO DEL TAURASI
Vitigno mediamente vigoroso e produttivo, a grappolo medio, tendente al cilindrico con un’ala evidente, acino medio, buccia coriacea, ricco di colore ed estratto, può presentare una leggera acinellatura verde.


Scheda fornita da VCR-Vivai Coooperativi Rauscedo
www.vivairauscedo.com

Carlo Macchi Andrea Petrini Roberto Giuliani Luciano Pignataro Sefano Tesi Kyle Phillips Lorenzo Colombo Angelo Peretti


PROSSIMI APPUNTAMENTI
  1. Bergamo, vino en primeur

    24 maggio 2018
  2. Maremmachevini 2018

    27 maggio 2018 - 28 maggio 2018
  3. Enjoy Collio Experience: un tuffo nel cuore del Collio

    1 giugno 2018 - 3 giugno 2018
  4. Radici del Sud 2018

    5 giugno 2018 - 11 giugno 2018
  5. WineUp Expo 2018

    12 luglio 2018 - 15 luglio 2018