Autore: Stefano Tesi

VINerdì IGP: Bortolin Angelo

Valdobbiadene Prosecco Superiore docg extra dry 2016 Non vado pazzo per il Prosecco e neppure per il Valdobbiadene, lo ammetto, ma l’equilibrio, l’eleganza e la riposante vivacità di questa bottiglia mi ha rallegrato assai le robuste dosi caserecce di polpo e patate che la mia metà mi ha ammannito durante queste afose serate estive. Stefano…

IGP: Come natura Crea

Degustazione di vini da vitigni toscani antichi e rari. Si fa un gran parlare, spesso a sproposito, delle eccellenze italiane. Ma poi scopri che ce le hai sotto il naso e non te n’eri mai accorto. E’ il caso dell’articolazione aretina, diretta da Paolo Storchi, del Crea (il Consiglio per la Ricerca e l’Economia Agraria,…

VINerdì IGP: Guerrieri Rizzardi

Calcarole 1995, Amarone Classico della Valpolicella doc Niente di più bello che assaggiare un vino che ti entusiasma anche quando non ami la tipologia a cui appartiene. Il Calcarole Amarone Classico 1995 di Guerrieri Rizzardi è tra questi: asciutto e profondo, note di grafite e cipresso, bocca severa, solenne e composta. Il colore? Incredibile, dopo…

IGP: Molecole di sigaro

A Varsavia si mangiano molecole di sigaro indimenticabili Non ho mai fatto mistero della mia tendenziale diffidenza verso la cucina non direi sperimentale o troppo audace, ma piuttosto verso quella che ha, per scopo, stupire. Qualcuno la chiama d’avanguardia e io, per carità, mi adeguo. Datemi pure del provinciale, dell’incolto o dell’inadeguato: eppure la scenografia…

VINerdì IGP: Antico Podere Casanova Bucciarelli

Chianti classico 2012 docg Devo al collega Walter Peruzzi la scoperta di questo Chianti Classico di grande levità e nerbo, bevibilissimo e profondo, niente affatto ingombrante, con un bel frutto fragrante e una bocca pulita, quasi croccante, dissetante. E’ biologico e, ci crediate o meno, costa 12 (dodici) euro. Stefano Tesi www.poderecasanova.com

IGP: Trattoria Dalla Rosa Alda

A prova di Vinitaly Lancio una pubblica domanda, che poi potrebbe essere anche una pubblica scommessa, a tutti i vinitalisti: quanti di voi, al termine di una giornata di fiera trascorsa tra copiosi vini e sovrabbondanti spuntini, sognano un bel letto accogliente e quanti, invece, una tavola ulteriormente imbandita? Credo che il 95 per cento…

VINerdì IGP: Botromagno

“25° Anno” Murgia Rosso IGT 2013, Botromagno Non mi piacciono i vinoni, ma i grandi vini sì. Questo, che prodotto in sole 2.500 bottiglie numerate per festeggiare il quarto di secolo dell’azienda, lo è: Uva di Troia e Primitivo in pari misura, gran naso fruttoso ma elegante, bocca fitta e suadente. Bravo Ben! Io l’ho…

IGP: Il Crudele

“Il Crudele”, pecorino a latte crudo maremmano “Diciamoci la verità” (come faceva una celebre sigla di Canzonissima degli anni d’oro): se vai in cerca di caci nella Maremma già amara, per non dir peggio, e trovi un caseificio che si chiama Le Tofane, come il celeberrimo massiccio montuoso che domina Cortina d’Ampezzo, lì per lì…

VINerdì IGP: Le Torri

Villa San Lorenzo I.G.T Toscana 2009 Sangiovese al cento per cento, fatto maturare in legno francese e lasciato volutamente (da me) a candire in cantina fino a ieri. Risultato: un bel rubino scuro, naso asciutto, serio e intenso con note di cuoio e sottobosco; bocca precisa, severa, complessa ma non pesante, tannino giusto senza inflessioni…

Ho stappato una bottiglia del 1993…

Ho stappato una bottiglia del 1993. D’olio, però! Uno dei topoi letterari e recensori più cari a noi grafogastrici è quello della bottiglia dimenticata in cantina e da lì miracolosamente riemersa per il nostro (è ovvio) sollazzo. Infatti ieri mi è successo esattamente questo: dal fatidico scatolone-regalo è spuntata una scatoletta di dimensioni strane. Dentro…

IGP: La ribollita di mia nonna Dina…

La mia nonna paterna si chiamava Dina. Mentre la ribollita è, per i toscani, il massimo piatto della memoria. Che c’entra? C’entra! Giorni fa ero un giocoso giurato, nell’ambito della Biennale Gastronomica Fiorentina, al Palio della Ribollita allestito al Mercato di San Lorenzo: una ventina di agguerrite massaie (e massai), tutti rigorosamente dilettanti, in lizza…

VINerdì IGP: Villa Matilde

All’inizio lo stappi pieno, soprattutto, di curiosità. Ma poi te lo godi fino all’ultima goccia, compiacendoti a ogni sorso della sua inconfondibile “falanghinità”. Vigne di cinquant’anni nell’Ager Falernus e sei anni sui lieviti fanno il resto. Ideale per brindare in allegria, ma con eleganza. Stefano Tesi Pubblicato in contemporanea su: Alta Fedeltà Internet Gourmet Lavinium…

Carlo Macchi Andrea Petrini Roberto Giuliani Luciano Pignataro Sefano Tesi Kyle Phillips Lorenzo Colombo Angelo Peretti


PROSSIMI APPUNTAMENTI
  1. Il vino della montagna va in città

    28 luglio 2017 @ 19:00 - 23:00
  2. TrentoDoc sulle dolomiti

    2 agosto 2017 - 6 agosto 2017
  3. Autochtona 2017

    16 ottobre 2017 - 17 ottobre 2017
  4. LA SETTIMA EDIZIONE DEL MERCATO DEI VIGNAIOLI INDIPENDENTI

    25 novembre 2017 - 26 novembre 2017