Boccadigabbia

img_20160427_152002Elvidio Alessandri è il proprietario di BOCCADIGABBIA, azienda situata sulle prime propaggini che dal Mar Adriatico portano a Civitanova Marche.
Acquistata dal padre negli anni cinquanta dal principe Luigi Girolamo, Boccadigabbia era infatti uno dei “cento poderi” dell’amministrazione Bonaparte, di Civitanova Marche che nel 1808, passarono al viceré Eugenio Beauharnais per poi diventare dominio privato dell’imperatore Napoleone III.
Negli anni sessanta del secolo scorso furono piantati vitigni adatti alla produzione di vini da tavola, mentre a partire dal 1986 è stato avviato un programma di reimpianti puntando sui vitigni internazionali, nei circa dieci ettari vitati troviamo quindi principalmente Cabernet, Merlot e Pinot nero, ma anche Sauvignon, Chardonnay, Pinot grigio. Nella tenuta Villamagna Floriani, situata sulle colline maceratine e che s’estende su venticinque ettari, si coltivano invece vitigni autoctoni, come Montepulciano e Sangiovese tra i rossi, mentre tra i bianchi spiccano il Verdicchio e l’antica varietà Ribona, o Maceratino.
La produzione annua è di circa centomila bottiglie, anche se il potenziale aziendale è decisamente maggiore, e circa i tre quarti del vino viene esportato, anche se ultimamente l’azienda sta guardando con interesse al mercato italiano.
Durante un pranzo a Milano, presso il Ristorante Daniel, alla fine del mese d’aprile, abbiamo avuto l’opportunità di assaggiare alcuni di questi vini, eccoli:

Colli Maceratesi Ribona DocLe Grane” 2015
La Ribona (o Maceratino) è un vitigno coltivato principalmente in provincia di Macerata.
Il Registro Nazionale delle Varietà di Vite ne registra cinque diversi cloni e lo ammette come utilizzabile nella Doc Colli Maceratesi e in sette Igt di Marche ed Umbria, mentre la superficie vitata, secondo i dati ISTAT relativi al 2010 risultava essere di 177 ettari. Non risulta la presenza di quest’uva al di fuori dell’Italia, si tratta quindi di un vitigno piuttosto raro.
Le uve utilizzate per questo vino sono coltivate nella contrada Montanello di Macerata, a circa 25 chilometri dal mar Adriatico.
Si tratta dei vigneti dell’azienda Villamagna Floriani, acquistata dalla famiglia Alessandri nel 1996.
Il processo produttivo è assai particolare e prevede una doppia fermentazione. Una parte dell’uva, fatta surmaturare in pianta, viene infatti aggiunta al termine della prima fermentazione, questa rifermentazione, chiamata localmente “fare le grane” da il nome al vino.
Nel bicchiere si coglie un color paglierino luminoso.
Intenso al naso, pulito, semplice, fresco, si presenta con sentori fruttati e vegetali, che rimandano, quest’ultimi, a note d’erbe officinali, leggeri accenni sulfurei.
Fresco al palato, pulito, sapido, fruttato e vegetale (erbe officinali), lunga la persistenza.

Igt Marche SangioveseSaltapicchio” 2010
Prodotto da uve Sangiovese in purezza, provenienti da un vigneto di 1 ettato e mezzo esposto a sud-oves, su suolo argilloso. Il mosto s’avvale di una lunga macerazione sulle bucce, il vino quindi s’affina in barriques per 14-16 mesi.
Il colore è granato molto intenso, come pure intenso è il vino al naso, qui si colgono diversi sentori che gli donano una buona complessità. Note balsamiche e di legno dolce, cuoio, tabacco, sottobosco, accenni terrosi. Terroso e sapido anche al palato, fresco, intenso, balsamico, elegante, complesso, chiude lunghissimo su note di liquirizia.

Igt Marche Merlot PIX” 2010
Le uve provengono da un vigneto di circa tre ettari situato vicino al mare. Il vino subisce la fermentazione malolattica in barriques, dove poi sosta per oltre un anno prima dell’imbottigliamento.
Profondissimo il colore, intenso, quasi nero, luminoso.
Intenso al naso, si coglie un frutto rosso maturo e speziato, prugne secche, note balsamiche e di legno dolce.
Alcolico, un poco aggressivo, strutturato, note surmature e di liquirizia forte, legno in evidenza, lunghissima la persistenza.

Igt Marche Cabernet sauvignonAkronte” 2010
Cabernet sauvignon in purezza, da un vigneto di circa tre ettari, situato vicino al mare. Il vino s’affina in barriques per una ventina di mesi.
Dal colore profondissimo, quasi nero.
Buona l’intensità olfattiva, elegante, fresco, balsamico, mentolato.
Strutturato, fresco, intenso, con tannini netti ma vellutati, balsamico, lunghissima la persistenza.
Lorenzo Colombo

Carlo Macchi Andrea Petrini Roberto Giuliani Luciano Pignataro Sefano Tesi Kyle Phillips Lorenzo Colombo Angelo Peretti


PROSSIMI APPUNTAMENTI
  1. Il vino della montagna va in città

    28 luglio 2017 @ 19:00 - 23:00
  2. TrentoDoc sulle dolomiti

    2 agosto 2017 - 6 agosto 2017
  3. Autochtona 2017

    16 ottobre 2017 - 17 ottobre 2017
  4. LA SETTIMA EDIZIONE DEL MERCATO DEI VIGNAIOLI INDIPENDENTI

    25 novembre 2017 - 26 novembre 2017