IGP: Fiano di Avellino 1993

Nozze d’oro con Mastroberardino

Tanti bianchi resistono, il Fiano di Avellino evolve grazie alle caratteristiche del vitigno che fanno del tempo non un ostacolo da superare anno dopo anno ma un alleato. Non avevamo dubbi di trovarci di fronte ad una bella esperienza quando ci siamo trovati di fronte a questa bottiglia uscita dalla cantina lucana di Peppe Misuriello, patròn dell’Antica Osteria Marconi di Potenza che ha appena preso in gestione Locanda Severino a Caggiano. Da sempre nel mondo del vino, prima con l’enoteca poi con il ristorate, Peppe è stato uno di quelli che ha comprato senza esitazione quando lo si poteva fare senza fare mutui in banca e, soprattutto, tra i pochi ad avere il vizio di conservare vecchie bottiglie.

Ecco allora da dove esce questo bianco irpino nella bottiglia renana, poi andata in disuso perché non si trovava con le moderne geometrie commerciali. Peccato, perché quando te la trovi di fronte pensi subito di bere un bianco importante.

Nel 1993 non esisteva facebook, per comunicare si usava il telefono e l’Italia stava appena per imboccare la strada del declino mentre il mondo del vino andava in direzione esattamente opposta nonostante tutto: investimenti a lungo termine, ricerca, miglioramenti e innovazioni in campagna e in cantina, cura della presentazione delle bottiglie e delle cassette. Una rivoluzione insomma, che ha visto coinvolta tutta la viticultura italiana da Nord a Sud in un moto unico e che ancora oggi fa del vino la punta di eccellenza dell’agroalimentare.

La cosa impressionante di questa bottiglia è che non è stata progettata per essere bevuta dopo un quarto di secolo, per la verità nemmeno dopo un anno. All’epoca si usciva in commercio il prima possibile e questa base, dalle sei alle settemila lire poi diventate  6-7 euro, non aveva alcuna presunzione. La grande intuizione della famiglia Mastroberardino fu di comprendere che Lapio era una zona vocata e i contadini furono incoraggiati a piantare il Fiano.

Già il tappo, perfetto e intero, annuncia l’integrità del vino che si presenta di un colore giallo paglierino carico ancora vivo. I profumi sono tipici del Fiano di Avellino invecchiato: frutta bianca evoluta, note fumé e di idrocarburi, tono della beva sapido e amaro, nessuna dolcezza ma tanta freschezza che regge bene il corpo del vino mantenendolo in gran forma.

L’ennesima dimostrazione delle enormi potenzialità di questo vitigno coltivato in Irpinia, zona di freddo da sempre molto vocata. Siamo convinti, infatti, che siamo appena al dieci per cento di quello che si potrebbe fare anche se in tanti ormai escono dopo almeno un anno dalla vendemmia. Cosa manca per mettere a reddito enologico questo patrimonio? Anzitutto un uso del legno graduato e ben studiato, l’individuazione dei cru e la capacità di stoccaggio di almeno un anno.
Bevute come questa del 1993 oltre ad avere la capacità di trasmettere emozioni e piacere, spingono appunto a queste riflessioni.
Luciano Pignataro


Pubblicato in contemporanea su:

Alta Fedeltà
The Internet Gourmet
Lavinium
Luciano Pignataro Wine Blog
Percorsi di Vino
Vinealia
WineSurf

 

 

Carlo Macchi Andrea Petrini Roberto Giuliani Luciano Pignataro Sefano Tesi Kyle Phillips Lorenzo Colombo Angelo Peretti


PROSSIMI APPUNTAMENTI
  1. Terre d’Italia

    20 maggio 2018 - 21 maggio 2018
  2. Bergamo, vino en primeur

    24 maggio 2018
  3. Maremmachevini 2018

    27 maggio 2018 - 28 maggio 2018
  4. Enjoy Collio Experience: un tuffo nel cuore del Collio

    1 giugno 2018 - 3 giugno 2018
  5. Radici del Sud 2018

    5 giugno 2018 - 11 giugno 2018
  6. WineUp Expo 2018

    12 luglio 2018 - 15 luglio 2018