IGP: I 5 vigneti più insoliti al mondo

Non amo le classifiche per cui questa che sto scrivendo non è una top five delle migliori vigne al mondo ma solo una piccola raccolta (potrebbe essere sicuramente maggiore) delle vigne più insolite al mondo per le caratteristiche “non ordinarie” del terroir di riferimento.

Foto: www.winerist.com

Foto: www.winerist.com

Bodega Colomé – Argentina: Colomé non è solo la più antica cantina di Argentina (fondata nel 1831), ma gestisce quello che, forse, è il vigneto più alto del mondo. Situato a Salta, si estende fra i 1.700 ed i 3.111 metri s.l.m. e le viti, come facile pensare, sono piantate in un microclima assolutamente unico.

Isla do Fogo – Capo Verde: la viticoltura dell’isla do Fogo, a 500 km dalle coste senegalesi, si sviluppa attorno Chã das Caldeiras, sulle pendici del vulcano Pico do Fogo e nella zona di Achada Grande. In queste terre Padre Ottavio nel 2002, grazie al supporto della cantina Adega de Monte Barro, ha piantato la Vinha de Maria Chaves, realizzata su un terreno di circa 36 ettari donato in comodato d’uso dal Governo di Capo Verde per 50 anni, al fine di dar vita ad un programma vitivinicolo a Capo Verde con lo scopo di fornire supporto economico al popolo capoverdiano.

Foto: www.winerist.com

Foto: www.winerist.com

Sahara Vineyards – Egitto:  Karim Hwaidak, proprietario del Sahara Vineyards, gestisce vicino a Il Cairo un vigneto di circa 600 ettari che comprende oltre trenta varietà di uva. La sfida col deserto, le enormi escursioni termiche tra giorno e notte, la quasi totale mancanza di pioggia e il terreno sabbioso che non contiene sostanze nutritive è davvero impervia ma, con la passione, tutto si vince.

Domaine Dominique Auroy – Tahiti: nella Polinesia Francese, sull’atollo di Rangiroa, nell’Arcipelago della Tuamotu, nascono grazie all’enologo francese Sébastien Thepenier i vini che vanno sotto il marchio Vin de Tahiti grazie ad un vigneto di circa 8 ettari dove sono piantati carignan, muscat de Hambourg, italia e grenache. Perchè Rangiroa è un posto unico al mondo ? Beh, perchè la vite, che si pianta nei detriti del corallo, ha un solo grande nemico: lo tsunami…

foto-5-igpBlaxsta Vineyard – Svezia: fondata all’interno di una vecchia stalla del 1600, la Blaxsta Vineyard  rappresenta la prima cantina fondata in Svezia e oggi è dotata di un vigneto di circa tre ettari dove sono piantate varietà come vidal (90% del totale), chardonnay, merlot e cabernet franc piantate tutte a partire dagli anni 2000. Molto apprezzati, come ovvio pensare, i loro Ice Wine.
Andrea Petrini


Pubblicato in contemporanea su:

Alta Fedeltà
Internet Gourmet
Lavinium
Luciano Pignataro Wine Blog
Percorsi di Vino
Vinealia
WineSurf

 

Carlo Macchi Andrea Petrini Roberto Giuliani Luciano Pignataro Sefano Tesi Kyle Phillips Lorenzo Colombo Angelo Peretti


PROSSIMI APPUNTAMENTI
  1. Durello & Friends

    17 novembre 2017 - 19 novembre 2017
  2. ASSAGGIOANORDOVEST

    17 novembre 2017 - 19 novembre 2017
  3. “Enologica”, il Salone del vino e del prodotto tipico dell’Emilia Romagna

    18 novembre 2017 - 20 novembre 2017
  4. BaroloBrunello e il gioco del vino

    18 novembre 2017 - 19 novembre 2017
  5. LA SETTIMA EDIZIONE DEL MERCATO DEI VIGNAIOLI INDIPENDENTI

    25 novembre 2017 - 26 novembre 2017
  6. Radici del Sud

    27 novembre 2017