La Vernaccia di San Gimignano a Milano

Dodici i vini presentati da Daniele Cernilli e da Stefano Campatelli (direttore del Consorzio Vino Vernaccia di San Gimignano) lo scorso 10 ottobre, a Palazzo Bovara, in occasione della Milano Wine Week.
Sei di questi provenivano dall’ultima annata, la 2017, mentre altri sei si spingevano un poco più indietro nel tempo, sino ad arrivare, con le tipologia “Riserva” all’annata 2013.

Ottima quindi l’occasione quindi per valutare sia i vini d’annata, sia la loro evoluzione nel tempo.

Abbiamo trovato tutti i vini di buon livello, tra quelli dell’annata 2017 abbiamo particolarmente apprezzato quelli di Rampa di Fugnano e di Teruzzi, mentre tra le  annate più datate ci sono particolarmente piaciuti quelli di Panizzi (il migliore in assoluto, secondo noi), Casa alle Vacche e Il Colombaio di Santa Chiara.

Ecco un breve sunto della nostra degustazione:

 – Teruzzi – Vernaccia di San Gimignano “Isola Bianca” 2017
Vernaccia in purezza, le uve provengono da diversi vigneti, tutti di proprietà dell’azienda, l’età media delle viti è di 15 anni, il sistema d’allevamento è il cordone speronato, con densità di 4.800-6.600 ceppi/ettaro, la vendemmia avviene solitamente alla metà di settembre.
Dopo una macerazione pellicolare ed una pressatura soffice, il mosto fermenta in vasche d’acciaio ad una temperatura di 16°C, s’affina quindi, sempre in acciaio per 4-5 mesi ed in bottiglia per altri 3-4 mesi.

Color paglierino luminoso.
Intenso al naso, pulito, di buona eleganza, presenta sentori di fieno, erbe officinali secche, frutta gialla (pesca matura).
Dotato di buona struttura, intensamente fruttato e decisamente sapido, buona la vena acida, lunga la persistenza.

 – Il Lebbio – Vernaccia di San Gimignano 2017
I vigneti sono situati tra i 150 ed i 250 metri d’altitudine, con esposizione sud, sud-est, con densità d’impianto di 4.500 ceppi/ettaro, i suoli sono argillosi, sabbiosi e calcarei e la resa è di 60 ettolitri/ettaro.
La vinificazione avviene in acciaio a temperatura controllata, il vino quindi matura parzialmente sui lieviti per circa 3 mesi.

Color giallo paglierino luminoso.
Buona l’intensità olfattiva, con sentori di fieno e note d’erba secca.
Intenso al palato, di buona struttura, sapido, fresco, con spiccata vena acida, presenta note vegetali, buona la sua persistenza.

 – Il Palagione – Vernaccia di San Gimignano “Hydra” 2017
Le uve, vernaccia in purezza, provengono dai vigneti di Montagnana e Palagione, il sistema d’allevamento è il cordone speronato, con densità di 5.000 ceppi/ettaro, la resa è di circa 60 ettolitri/ettaro.
Dopo la pressatura soffice e la chiarifica statica, il mosto fermenta in acciaio a temperatura di 16°C, dopo di che il vino rimane in vasca sui lieviti per 6 mesi, con batonnage settimanali, seguono ulteriori 2 mesi di sosta in bottiglia.

Color paglierino luminoso.
Buona l’intensità olfattiva, fruttato (pesca bianca), note vegetali di sedano.
fresco alla bocca, vegetale, frutto bianco, sapido, con spiccata vena acida e lunga persistenza.

 – La Lastra – Vernaccia di San Gimignano 2017
Prodotto con il 98% di uve vernaccia più un 2% tra trebbiano toscano e malvasia bianca del Chianti. I vigneti sono collocati a 260 metri d’altitudine su suoli mediamente argillosi con venature di sabbia calcarea, il sistema d’allevamento è in parte a Guyot ed in parte a cordone speronato, con densità d’impianto di 2.800 ceppi/ettaro con una resa di 70 q.li/ettaro.
La vinificazione prevede una pressatura soffice ed una macerazione prefermentativa a freddo, la fermentazione avviene in acciaio ad una temperatura di 16°C, maturazione in acciaio e sosta in bottiglia per almeno 2 mesi.

Color paglierino luminoso.
Intenso al naso, presenta sentori di fieno, d’erbe officinali essiccate ed accenni di mandorla da confetto.
Dotato di buona struttura, morbido, succoso, sentori di frutto giallo maturo, lunga la persistenza.

 – Rampa di Fugnano –  Vernaccia di San Gimignano “Alata” 2017

Vernaccia in purezza, da vigneti situati su suoli sabbiosi-argillosi, con densità d’impianto (per i nuovi vigneti) di 6.000 ceppi/ettaro, la resa è di circa 80 q.li/ettaro.
Ne vengono prodotte circa 25.000 bottiglie/anno.
Fermentazione in acciaio a temperatura controllata, fermentazione malolattica, dopo la stabilizzazione il vino sosta due mesi in bottiglie prima della commercializzazione.

Giallo paglierino tendente al paglia.
Bel naso, intenso, elegante, con sentori d’erbe officinali.
Dotato di buona struttura, sapido, succoso, con bella vena acida, fruttato (frutta a polpa bianca), lunga la sua persistenza.

 – Mormoraia – Vernaccia di San Gimignano “Suavis” 2017
Vernaccia in purezza, proveniente da vigneti situati su suoli do origine pliocenica, di medio impasto, franco-argillosi. Il sistema d’allevamento è il cordone speronato e la densità d’impianto  è di 5.000ceppi/ha.
Vinificata in acciaio, a temperatura controllata, matura sulle fecce fini per circa quattro mesi.

Color paglierino luminoso.
Discreta l’intensità olfattiva, presenta sentori di fieno, erba secca, paglia.
Di buona struttura, con note vegetali e di frutto giallo, discreta la persistenza.

 – Il Colombaio di Santa Chiara – Vernaccia di San Gimignano “Campo della Pieve” 2016
Vernaccia in purezza, da coltivazione in biologico, suoi sabbiosi, localmente argillosi, di medio impasto, calcarei. Altitudine dei vigneti tra i 360 ed i 400 metri slm, sistema d’allevamento a cordone speronato con densità di 5.500 ceppi/ha e reda di 55-60 ettolitri/ha.
Vinificazione con lieviti indigeni, sosta in cemento sulle fecce fini per 18/20 mesi, con periodici batonnage.
Bottiglie prodotte 7.000.

Color paglierino luminoso.
Buona l’intensità olfattiva, si colgono note di erbe officinali secche, frutta a polpa bianca, agrumi.
fresco alla bocca, sapido, tornano i sentori di frutta bianca (pesca), presenta leggere note piccanti e lunghissima persistenza.

 – Rubicini – Vernaccia di San Gimignano “Etherea” 2015
Vernaccia più una piccola percentuale di Chardonnay, dopo la decantazione in acciaio il mosto viene trasferito in barriques dove rimane sino a fine fermentazione. Segue un mese di sosta in bottiglia prima della commercializzazione.

Paglierino luminoso.
Discretamente intenso, di buona eleganza, con un bel frutto bianco.
Fresco e sapido, con una bella vena acida, si coglie un bel frutto (pesca), accenni vegetali e note d’agrumi, lunga la persistenza.

 – Casa alle Vacche – Vernaccia di San Gimignano Riserva “Crocus” 2015
Vernaccia più altri vitigni a bacca bianca, sistema d’allevamento in parte a Guyot ed in parte a cordone speronato con inerbimento totale, densità d’impianto 4.600 ceppi/ha, resa 45 hl/ha, altitudine dei vigneti da 210 a 280 mt. slm.
Fermentazioni in botti nuove a temperatura controllata, con continui batonnage, affinamento per 4 mesi in bottiglia.

Color giallo paglia.
Buona l’intensità olfattiva, ampio, frutto giallo maturo, note tropicali, erbe officinali, accenni di miele.
Buona struttura, bella vena acida, morbido, note dolci (boisée), sentori di nocciole, lunga la persistenza.

 – Signano – Vernaccia di San Gimignano Riserva “La Ginestra” 2015
Vernaccia in purezza, i vigneti sono situati nelle località Signano e Racciano, nel comune di San Gimignano, il suolo è prevalentemente tufaceo con presenza di ciottoli e conchiglie dovuti a depositi alluvionali, l’esposizione è sud-est ed con sistema d’allevamento a cordone speronato, la resa è di 70 q.li/ettaro.
pressatura soffice con utilizzo di ghiaccio secco, fermentazione in cemento o acciaio, affinamento in vasca per 4 mesi ed ulteriori 2 mesi di sosta in bottiglia.

Giallo paglierino.
Intenso ed elegante al naso, di buona complessità, agrumi maturi, chinotto.
Di buona struttura, complesso, agrumato (ritroviamo il chinotto), con leggere note tanniche.

Un vino particolare, diverso dagli altri, a tratti ci ricorda un Vermouth.

 – Panizzi – Vernaccia di San Gimignano Riserva 2014
Vernaccia in purezza, fermentazione alcolica, maturazione ed affinamento in barriques per 12mesi.
produzione annua 12 mila bottiglie.

Color paglierino luminoso.
Buona l’intensità olfattiva, ampio, sentori di fiori secchi, nocciole tostate, frutto giallo maturo, accenni boisée.
Strutturato, sapido, complesso, elegante, con bella vena acida, note boisée, lunga la persistenza.

 – Casale Falchini – Vernaccia di San Gimignano Riserva “Vigna a Solatìo” 2013
Uva Vernaccia in purezza proveniente dal vigneto Solatio, il suolo è composto da sabbie ed argille gialle con tracce di fossili del Pliocene.
Fermentazione ed affinamento in barriques francesi per 8 mesi.

Color giallo limone, intenso e luminoso.
Intenso al naso dove presenta sentori d’agrumi canditi, legno dolce, accenni balsamici e note affumicate.
buona la struttura, accenni tostati-affumicati, legno percepibile, lunga la persistenza.
Lorenzo Colombo

Carlo Macchi Andrea Petrini Roberto Giuliani Luciano Pignataro Sefano Tesi Kyle Phillips Lorenzo Colombo Angelo Peretti


PROSSIMI APPUNTAMENTI
  1. FIVI: L’OTTAVA EDIZIONE DEL MERCATO DI PIACENZA

    24 novembre 2018 - 25 novembre 2018
  2. 48 ore di Grandi Langhe

    28 gennaio 2019 - 29 gennaio 2019